La Globalizzazione che ci distrugge

La Globalizzazione che ci distrugge

Https://www.facebook.com/HackTheMoney/

1- La globalizzazione è un golpe bianco 

La globalizzazione ha prodotto un gigantesco trasferimento di potere dai luoghi della politica, della statualità e della sovranità popolare ai centri delle potenza economico-finanziaria (a partire dai detentori dei grandi fondi di investimento) e alle loro principali agenzie: Ue, Wto, Fmi, Banca mondiale, agenzie di rating. Come tale, la globalizzazione è un vero e proprio colpo di Stato internazionale, silenzioso e (inizialmente) indolore. La democrazia ha visto paurosamente ridotto il suo spazio. I veri decisori non sono i rappresentati del popolo ma i rappresentanti del potere economico-finanziario, attorniati da una vasta schiera di centri studi, think tank, fondazioni varie che dettano i nuovi princìpi ideologici, cui dovranno riferirsi politici compiacenti e ossequiosi operatori della comunicazione. I princìpi base sono: libero mercato, antiprotezionismo, cosmopolitismo, annullamento della statualità. Il pensiero unico è nato così. Le tappe di questo processo sono state, tra le altre,  il trattato di Maastricht nel 1992 e la nascita del Wto il 1 gennaio del 1995.

2- La globalizzazione ha aumentato terrorismo e insicurezza

L’epoca del mondo interconnesso e senza barriere  è anche l’epoca di una crescita senza precedenti del terrorismo. Il mondo della globalizzazione è un mondo insicuro, una vera e propria autostrada per terroristi e criminali di ogni risma. L’attacco ideologico allo Stato, il buonismo imperante, il cosmopolitismo ideologico,  hanno distrutto gli Stati in Europa e  hanno prodotto, in Medio Oriente e Nordafrica, l’abbattimento dei vecchi regimi (da quello di Ben Alì a quello di Mubarak e Gheddafi), con la conseguente ondata dell’islamismo più feroce e apocalittico. Un dato significativo: le “Primavere arabe” sono state, tra gli altri agenti, favorite anche dalla fondazione di George Soros, la stessa che, guardacaso, sta cercando di fare terra bruciata, in Europa orientale,  intorno alla Russia di Putin.

3 – Ha prodotto povertà

Con la globalizzazione siamo diventati tutti più poveri, eccetto quell’uno per cento di super-capitalisti della popolazione mondiale che ha visto aumentati a dismisura profitti e rendite. È il prodotto di uno sfruttamento senza precedenti della forza lavoro, favorito dalla libera circolazione dei capitali e, soprattutto, degli uomini, con la manodopera abbondante e a buon mercato. Delocalizzazione e immigrazione ne sono stati gli aspetti principali. L’abbassamento dei redditi da lavoro ha avuto pesanti ripercussioni sull’insieme dell’economia, contraendo il mercato interno e riducendo gli spazi di investimento per la piccola impresa. L’impoverimento non è solo economico, ma anche e soprattutto delle aspettative di vita. L’ascensore sociale s’è bloccato, anzi è andato in basso: i figli hanno davanti a sé una vita più povera e più precaria di quella dei genitori. 

4- È il paradiso degli speculatori finanziari

Negli anni della globalizzazione è cresciuto a dismisura il peso dell’economia finanziaria rispetto a quella reale. La liberalizzazione dei capitali finanziari ha privilegiato gli investimenti a breve termine (speculativi) rispetto a  quelli a lungo termine (destinati all’economia reale). Ogni giorno, masse enormi di denaro (virtuale) si spostano sulle piazze finanziarie mondiali, destabilizzando Stati e governi. La stessa crisi del 2007-2008 è un tipico esempio delle storture causate dall’impoverimento diffuso, da un lato, e dalla finanza senza regole, dall’altro. I sottoscrittori di mutui subprime si sono indebitati oltre le loro possibilità  e, alla lunga, la bolla è scoppiata con conseguenze ovunque devastanti.  Va anche ricordato che, nella stessa crisi greca del 2010, c’è lo zampino di una delle più grandi banche d’affari del mondo: Goldman Sachs. È stata questa stessa banca a truccare i conti pubblici ellenici, salvo poi tirarsi indietro al momento della crisi. I cittadini dei Paesi democratici votano ogni quattro-cinque anni. I mercati finanziari votano ogni giorno. 

fRIEz

fRIEz è un Blogger e un informatico di lunga data in ambito sistemistico, server, reti, internet. È esperto di Bitcoin, criptovalute, mining, tecnologia blockchain e masternode. È sostenitore dell'hacking etico, ha sviluppato competenze professionali nell'attacco e difesa di sistemi informatici. --- --- --- “Il Ribelle deve possedere due qualità. Non si lascia imporre la legge da nessuna forma di potere superiore né con i mezzi della propaganda né con la forza. Il Ribelle inoltre è molto determinato a difendersi non soltanto usando tecniche e idee del suo tempo, ma anche mantenendo vivo il contatto con quei poteri che, superiori alle forze temporali, non si esauriscono mai in puro movimento.” ERNST JÙNGER

Related Posts

La Russia decide di accettare pagamenti del gas in BTC

La Russia decide di accettare pagamenti del gas in BTC

La 3 Guerra Mondiale è alle porte, ma chi la vuole?

La 3 Guerra Mondiale è alle porte, ma chi la vuole?

Putin: se volete il gas russo lo pagate in rubli

Putin: se volete il gas russo lo pagate in rubli

Mariupol allo stremo ma resiste ancora. Video

Mariupol allo stremo ma resiste ancora. Video

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trovalo ora su eBay

Trovalo ora su AMAZON